Contenuto principale

In seguito all'annessione della Lombardia al Regno sabaudo, viene emanata la legge del 23 ottobre 1859 (legge Rattazzi), che estende alle province lombarde gli ordinamenti di comuni e province vigenti nello stato sabaudo.

Il 20 marzo 1865 fu varata la legge n. 2248 per l’unificazione amministrativa, che comprendeva sei provvedimenti riguardanti l’amministrazione comunale e provinciale, la sicurezza pubblica, la sanità pubblica, l’istituzione del Consiglio di Stato, il contenzioso amministrativo e le opere pubbliche, un complesso di norme destinate a incidere profondamente sulla vita civile e sull’organizzazione degli organi del governo locale.

Il Consiglio Comunale di Commessaggio è composto da dieci più uno e rimane in carica per cinque anni. E' l'organo collegiale di rappresentanza diretta e generale del corpo elettorale del Comune ed esercita funzioni di indirizzo e di controllo politico e amministrativo.

Il Consiglio si rinnova ogni 5 anni.

MAGGIORANZA

  • Asinari Claudia
  • Negri Samuele
  • Pasquali Marco
  • Assensi Luigi
  • Morandi Marika
  • Sanfelici Susi  -  pdf curriculum (105 KB)
  • Busi Daniele

MINORANZA

  • Lodi Rizzini Claudia
  • Salvaterra Arcadio
  • Sarzi Amadè Natalino

 

Il Consiglio Comunale è un organo collegiale, con funzioni di indirizzo e di controllo politico amministrativo, composto da un numero minimo di 12 membri a un massimo di 60 membri, a seconda dell’entità della popolazione comunale. Il Consiglio si rinnova ogni 5 anni. Le funzioni esecutive sono svolte dalla Giunta Comunale, composta dal sindaco che la presiede, e dagli assessori, nominati dallo stesso sindaco. Il numero degli assessori è stabilito dallo statuto, entro i limiti fissati dalla legge.

Il sindaco del Comune

Viene eletto dai cittadini a suffragio universale e diretto e dura in carica per un periodo di 5 anni. È un organo individuale che riveste la duplice qualità di capo dell’amministrazione comunale e di ufficiale del governo. Sono compiti del sindaco: rappresentare l’ente; sovraintendere al funzionamento dei servizi e degli uffici comunali; sovraintendere all’esecuzione degli atti. Ha inoltre competenza in materia di servizi alla persona e alla comunità, di assetto e uso del territorio, e di sviluppo economico. Come ufficiale di governo, e quindi organo dello Stato, il sindaco ha competenza per le seguenti materie: stato civile; igiene pubblica; ordine pubblico; nei Comuni dove non esiste un ufficio di polizia, il sindaco è anche autorità locale di pubblica sicurezza.